Login    Registrazione    domenica 16 dicembre 2018      Cerca  
 

Le coltivazioni erbacce sono condotte seguendo quelle che sono le buone pratiche agronomiche, infatti la programmazione colturale dei terreni, viene fatta tenendo conto del potere depauperante delle graminaceae e migliorativo delle leguminosae le quali vengono opportunamente avvicendate in una rotazione colturale triennale.

Al grano (duro o tenero) e l’orzo, viene fatta seguire l’avena, poi una leguminosa (favino o trifoglio) per riproporre nuovamente grano o orzo, evitando così l’effetto deleterio per il terreno della monosuccessione colturale.

Particolare attenzione viene posta alla conservazione e ripristino dei livelli in sostanza organica ed elementi nutritivi del suolo, infatti dopo il ciclo della prima graminacea, oltre che alla trinciatura della paglia durante la trebbiatura, è solito fare una buona concimazione organica a base di letame maturo di almeno 6 mesi proveniente dall’allevamento ovicaprino di proprietà dell’azienda.

Le operazioni colturali eseguite per la preparazione del letto di semina dei cereali sono: aratura (profondità 30-40 cm), una prima erpicatura con frangizolle a dischi, spietramento (necessario per l’incolumità delle macchine ed attrezzi), una seconda erpicatura, semina (300-310 kg/ha) e rullatura.

Di seguito, quando il ciclo vegetativo della pianta arriva alla fase di accesti

Descrizione: C:\Documents and Settings\Utente\Desktop\urea.jpg

mento (fase caratterizzata dall’emissione di alcuni germogli secondari a partire dalla base fogliare), si rende necessaria una concimazione azotata a base di UREA agricola granulare al 46% , nella quantità media di 125-130 kg/ha, questo per aiutare la pianta a superare il verificarsi di forti e continue gelate primaverili, e far si che la stessa arrivi nutrizionalmente equilibrata ad avviare la fase di levata. Tale concimazione la effettuiamo verso la prima seconda decade di febbraio.

 

 

 

Successivamente a metà-fine di aprile, in corrispondenza della fase di levata (ripresa vegetativa e allungamento degli internodi) e poco prima che la pianta entri nella fase di botticella, si procede con la lotta alle infestanti mediante diserbo chimico. In genere riusciamo a controllarle con il solo trattamento per dicotiledoni (infestanti a foglia larga). Contestualmente al principio attivo diserbante aggiungiamo un concime fogliare a base di azoto e microelementi (Mn, Zn, Fe, Cu, B), quest’ultimo necessario poiché durante la fase di botticella, vi è l’emissione da parte delle piante delle foglie a bandiera, le quali con la loro attività fotosintetica produrranno le riserve che andranno ad accumularsi nella cariosside.

 

Descrizione: C:\Documents and Settings\Utente\Desktop\foglie-verdi-di-grano_2776984.jpg

Superata la spigatura, granulazione e maturazione della cariosside, si arriva alla raccolta per mezzo della mietitrebbia (macchina semovente che permette l’operazione di mietitura e trebbiatura) tale operazione avviene intorno alla metà di luglio, sperando che nel frattempo l’andamento climatico non sia stato ne troppo arido (per evitare la stretta), e nemmeno troppo umido onde incombere in fisiopatie come ruggini e fusariosi.

 

 

 

 

 

Attività e gestione
Copyright (2012)    Dichiarazione per la Privacy